Come superare un trauma?




La risposta di Michele Mezzanotte per la rubrica de L’Anima Fa Arte “45 secondi”
.
Eugenia chiede: per superare un trauma, bisogna per forza accettarlo, oppure si può passare oltre distraendosi, ma rimanendo comunque consapevoli di quella sofferenza latente? 

Ciao Eugenia!

La tua domanda è molto delicata. Etimologicamente trauma significa feritoia, apertura. Traum in tedesco significa sogno, quindi parliamo di qualcosa sul limite tra il reale e l’illusorio. 

Dal punto di vista concretistico il trauma è qualcosa che ci fa soffrire, infatti Aldo Carotenuto dice: è vero che ci sono le ferite del corpo che sono visibili, ma sono le ferite dell’anima che ci fanno più male.

Dal punto di vista poetico il trauma è un’opportunità. Mentre dal punto di vista psicologico è una necessità per il cambiamento. 

Tu mi chiedi: come superare il trauma? 

Ogni ferita ha la sua medicina, e come dice il grande James Hillman l’importante è che da ogni ferita sgorghi amore, ovvero eros che ci permette il cambiamento. 

Dalle ferite sgorga l’amore [J.Hillman, Il mito dell’analisi, p.111]

.

CLICCA QUI per leggere: L’imperdonabile e il senso di colpa