Il fenomeno ASMR

ASMR è l’acronimo di autonomous sensory meridian response che in italiano sta per risposta autonoma del meridiano sensoriale. Il nome è stato concepito nel 2010 da Jennifer Allen sul forum SteadyHealt per indicare le sensazioni di formicolio e rilassamento provocate da particolari stimolazioni audiovisive. Molto più intuitivamente alcuni chiamano queste sensazioni orgasmo cerebrale. Il fenomeno è esploso in rete negli ultimi dieci anni e migliaia di youtubers si dedicano quotidianamente alla creazione di contenuti ASMR.

Componenti dell’ASMR

Gli artisti ASMR, nella stragrande maggioranza dei casi sono donne di giovane età. Si dedicano alla creazione dei video ASMR allo scopo di rilassare, calmare e far scivolare nel sonno milioni di fruitori. Scorrendo i commenti lasciati a migliaia sotto ogni video si scopre che le persone che li guardano li usano principalmente per placare la mente e produrre addormentamento.

Ma in cosa consiste un video ASMR?

Per produrre il contenuto audiovisivo bastano una buona videocamera e un microfon. Le stimolazioni prodotte dai creatori del contenuto sono chiamate triggers e possono consistere in stimolazioni visuali o auditive. Ognuna di queste due macrocategorie ha decine di sottocategorie che vanno dal sussurro al movimento delle mani fino al grattare dolcemente oggetti di varia natura per produrre suoni ritmici. I suoni e le immagini prodotti sembrano a prima vista anonimi, forse anche ridicoli, ma insistendo nella fruizione per qualche minuto si percepisce chiaramente un rilassamento.

Oltre ai contenuti il grosso del peso lo ha l’atteggiamento gentile e dolce dell’artista ASMR, la lentezza, il contatto oculare con la telecamera e un’espressività facciale molto limpida come quella che usano le mamme coi loro pargoli per placarne l’attivazione fisiologica. I contenuti non sono così importanti rispetto all’atteggiamento dell’artista tanto che alcuni hanno prodotto video ASMR efficaci sussurrando di fisica e di filosofia.

Se i video ASMR mirano a produrre modificazione dello stato psicologico allora occorre leggere il fenomeno in ottica psicologica.

ASMR e ritualità  

Calmare la mente è lo scopo principale dell’ASMR. Guardando su Google Trends notiamo che il picco di ricerche e quindi di fruizione dei video ASMR si ha tra le 00:00 e le 03:00 di ogni notte.

Quando il sole se ne va molti aspettano il sonno, che non arriva, forse scacciato dalle luminose diavolerie moderne. Va dunque propiziata la discesa del dio Hypnos, il Sonno, con un video ASMR che sembra essere un rituale moderno.

La nostra coscienza moderna è più eroica che mistica, e per convocare Hypnos o Ermes, che ci aiutino ad addormentarci, abbiamo bisogno di incantesimi, di rituali (J., Hillman, Il sogno e il mondo infero, Adelphi, Milano, 2003, p.49).

Hypnos porta i suoi doni, calma l’attivazione e produce il sonno. Rivolgiamoci dunque alla mitologia per comprendere quali sono le forze psicologiche in gioco.

ASMR e mito

Vediamo, attraverso il mito, come il femminile proposto dall’artista ASMR riesca a evocare il Sonno e a trasformare la mente inquieta in un mare calmo.

Nell’Iliade Era prega Hypnos affinché addormenti il vigile Zeus che non permette a Poseidone di portare aiuto ai Greci.

Chi guarda video ASMR è d’accordo con Era: a una certa ora Zeus deve andare a letto.

L’animale sacro a Zeus è l’aquila, un gagliardo rapace dall’acuità visiva proverbiale, che vola ad altezze vertiginose nascondendosi alle prede tra i raggi solari. L’animale è una rappresentazione dello stile di coscienza di Zeus: solare, vigile, sveglio, predatorio, mirabile metafora della mente concentrata e vorace che cerca prede minuscole. Se questo è lo stile di coscienza da acquietare per poter riposare dobbiamo rivolgerci ad Hypnos ci dice Era. Fidiamoci della dea che conosce bene il marito e i suoi punti deboli

Secondo Omero Zeus aveva paura di Nyx, la Notte. Costei era madre di Hypnos, il Sonno, e del fratello gemello Tanato, la Morte. Nyx secondo Esiodo era una delle divinità primordiali, figlia diretta dell’entità ancestrale Caos. L’influsso di Nyx e Hypnos su Zeus e il legame tra Zeus ed Era testimoniano la corruttibilità del principio luminoso, folgorante ed elettrico di Zeus ad opera del femminile notturno e indiretto. Ne è testimonianza l’infinita serie di marachelle extraconiugali verso cui il dio manifestava una eloquente debolezza.

Il femminile con la sua ambiguità notturna acquieta il ruggito della mente diurna permettendo a Hypnos di fare il suo corso. Jung sosteneva che, come il sole sprofonda nella terra, l’Io venisse attratto ogni notte dal femminile inconscio. L’inconscio ne avrebbe digerito le fissità e lo avrebbe rigenerato e partorito nuovamente ogni mattina. Così l’artista ASMR femminile ammalia e attrae, e come Afrodite spoglia Ares delle sue armi e armatura, e lo conduce a letto.

Conclusioni

I tre elementi che dei video ASMR saltano all’occhio evocano l’ancestralità di Nyx, Hypnos ed Era: l’atteggiamento di ipergentilezza dell’artista ricalca quello della madre che accudisce l’infante; i suoni prodotti dalla bocca dell’artista sono analoghi a quelli prodotti dall’ipnotista per facilitare l’ipnosi; i suoni prodotti con gli oggetti sembrano i suoni ovattati che si potrebbero sentire da dentro il ventre materno.

Ma perché ciò che sembra materno evoca ciò che è ancestrale?

Ciò che l’artista ASMR fa non è riportare il fruitore a un’epoca infantile, ma è evocare ciò che sta alle origini, alla radice dell’immaginazione. Nyx e Hypnos evocati da un femminile Era che per acquietare il marito Zeus ricorre a forze primordiali da cui non si è mai separata.

Così la mente irrequieta si calma tornando all’origine dell’immaginazione, da alcuni scambiata con l’infanzia, ma che riguarda la mitologia delle origini. Notte, luce, sonno, morte sono le radici cosmogoniche che regolano la mente e i suoi cicli di attività e di riposo. L’ASMR ravviva questi stati crepuscolari e il loro potere sulla mente diurna.

P.S. CLICCA QUI per leggere tutti gli articoli di Giorgio Coccia