La paura è più sonora di qualunque altro pensiero (Erica Jong)

.

Non siamo capaci di vivere




Quanto poco siamo capaci di vivere!

diceva C.G.Jung e come lui anche Oscar Wilde era della stessa opinione

Vivere è la cosa più rara al mondo.

Ti sei mai chiesto se stai vivendo veramente la tua vita?

Nel caso contrario, cosa ti impedisce di viverlaIl rischio è che tu sia già morto in vita. 

.

Vivi nell’accadere
.

Vivere

Riporto qui i sinonimi del dizionario.

Vivere significa abitare la vita, alimentarsi, continuare, esistere, essere, fiorire, nutrirsi, perdurare, stare, risiedere, condurre, fare, godere, immedesimarsi, passare, provare, sperimentare.

Ora focalizzati su ognuna di queste parole. Prenditi un attimo di tempo. 

Chiediti, per ognuna delle parole elencate sopra, quanto siano presenti nella tua vita e soprattutto se siano presenti nel qui ed ora e non in un passato o in un futuro che non esistono.

Stai vivendo ora? Sperimenti? Provi nuove emozioni? Ti stai nutrendo (di esperienze)? Stai godendo?…

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani, perciò oggi è il giorno giusto per amare, credere, fare e, principalmente, vivere.

Dalai Lama

Il presente, anche se a livello quantistico non ne esiste uno preciso, è uno degli indici per capire se stai vivendo la vita. 

Solo se agisci nel presente stai vivendo. “Agire” nel passato o nel futuro significa pensare la vita

È possibile pensare la vita senza mai viverla. Non si è mai nell’accadere, neppure nel proprio accadere.

C. G. Jung

.

Paura e Morte
.

Ed eccomi a rispondere alla domanda precedente: cosa ti impedisce di vivere?




.

L’altro ieri stavo passeggiando con mia moglie (eterna fonte d’ispirazione e di confronto), per le strade di Pescara ed eravamo appena usciti da uno studio medico.

Stavamo riflettendo sul perché le persone vanno più facilmente dal medico che dallo psicoterapeuta (a parte qualche rara eccezione che conosco).

Principalmente si va dal medico per paura. In particolare per paura di una malattia o per paura della morte. Ovviamente essendo la medicina e la farmaceutica un business, la paura stessa è diventata un business, quindi si ha più interesse ad alimentare la paura che nell’affrontarla.

Andare dal medico ti permette di allontanare la paura.
Andare dallo psicoterapeuta ti permette di incontrare le tue paure. Conoscerle, affrontarle, capirle.

Questo incontro – questa rara conoscenza dei propri personali timori e il dialogo con essi – è necessario per riappropriarti del significato della tua vita.

La paura è quello stato emotivo che ti impedisce di vivere la vita da vivi. La paura ti blocca e ti fa evitare la vita stessa.

Come mai la paura non ti fa vivere?

La paura ti impedisce di avvicinarti alla morte che è una dimensione fondamentale per la vita.

Capire la morte, guardarla negli occhi e affrontarla ti permette di capire la vita. Ti sei mai chiesto come mai coloro che sono stati vicino la morte sentono più vividamente la vita?

La morte è trasformazione, cambiamento attraverso la fine.

Molti processi della nostra vita quotidiana passano attraverso la metafora della morte:  durante la giornata portiamo a compimento, quindi ad una fine, migliaia di azioni, chiudiamo gestalt.

Affrontare le paure vuol dire attraversare la morte. Solo conoscendo le tue paure, guardando ciò che ti blocca, sperimentandolo e dandogli spazio, potrai essere pienamente e non essere in fuga dalla morte e di conseguenza assente nella vita. 

Kierkegaard diceva: Chi ha imparato ad avere paura ha imparato quel che più conta.




.

Conclusioni
.

“Io non credo che le persone cerchino dei significati nella vita più di quanto cerchino l’esperienza di essere vive. ”  

Joseph Campbell

.

L’uomo è per natura un cercatore.

In particolare – come esseri umani – cerchiamo l’esperienza di essere vivi, quindi più genericamente il famoso “senso della vita”. 

Questa bellissima citazione di Joseph Campbell mi fa capire l’essenza e il significato del vivere, e soprattutto mi dà modo anche di rispondere alla domanda: a cosa serve la psicoterapia? 

La psicoterapia serve nel cercare e trovare la propria individuale esperienza d’essere vivi attraverso la morte e la paura. Ci permette di ri-nascere da una vita che rischia di scivolare via. 

.